Da dove viene tutta sta puzza ?

Premessa per i principali problemi lavabili


Come in tutte le cose, quando si segue una strada e si trovano degli ostacoli si è subito pronte a maledirsi per aver preso quella rispetto ad un’altra e nel caso dei lavabili questo succede spesso, soprattutto perchè di solito la scelta di usarli non viene ben vista dall’entourage della mamma in questione e non si ha esperienza per cavarsela da sole.

Quindi, alla prima puzza incomprensibile, alla prima irritazione, alla prima fuoriuscita di pipì o di popò sono tutti subito pronti a puntare il dito con fare riprorevole “eh io te l’avevo detto che gli usa e getta sono migliori”.

I casi sono molteplici e le possibilità infinite, ma di solito chi ha iniziato coi lavabili da subito o nei primi mesi può andare in crisi per la messa in discussione delle proprie scelte. Anche chi ha iniziato più avanti e ha esperienza di usa e getta, di fronte alle problematiche di irritazioni o legate alla gestione dei lavabili, può veder vacillare le proprie certezze. Nel caso vi trovaste in questa situazione vi raccomandiamo di non darlo a vedere e cercare di risolvere il problema con sicurezza e il sorriso sulle labbra. Noi dobbiamo essere i nostri migliori alleati !!

Fortunatamente la solidarietà tra pannolinare è molto elevata perchè tutte, in un modo o nell’altro, ci siamo passate e nei gruppi su facebook è possibile trovare supporti adeguati che limitano al minimo i danni e gli abbandoni. Non abbiate paura a chiedere aiuto a chi ha più esperienza di voi.

 

 


HO LAVATO IL PANNOLINO, MA ALLA PRIMA PIPì PUZZA TERRIBILMENTE (di fogna, di pipì, di cane bagnato, di ammoniaca ecc..)


Il tipo di puzza ci dice in genere anche quale sia il motivo. Come indicazione generale se un pannolino “butta fuori” un odore che risale al passato significa che non è stato sciacquato adeguatamente e ha ancora nelle fibre acqua sporca di pipì o residui fecali. Questo può succedere perchè:

  1. non è stato effettuata la centrifuga e lo scarico del primo risciacquo precedente al lavaggio vero e proprio (leggi l’articolo sullo stoccaggio e lavaggio)
  2. la lavatrice è impostata su un programma che carica poca acqua e di conseguenza non riesce a sciacquare via tutta la pipì
  3. è stato messo troppo detersivo per il lavaggio e sono rimaste tracce di sapone nelle fibre
  4. è stato usato percarbonato in grosse quantità e/o è stato usato nel caso di un lavaggio inferiore ai 50° (se in grosse quantità può residuare nelle fibre se non sciacquato adeguatamente). Bisogna precisare che di norma il percarbonato si attiva sopra i 50°, ma ne esistono che si attivano anche a 40°. Sicuramente lavando a 30° sarebbe come buttarlo via. Noi consigliamo di usarlo ogni tanto quando si fa un lavaggio a temperature alte (50° e 60°) perchè più è alta la temperatura maggiore è l’effetto e comunque non va fatto ad ogni lavaggio.

Oltre a problemi durante il lavaggio può succedere che un pannolino venga riposto ancora umido, magari in un cassetto dove la circolazione dell’aria è minima e questo produce con la prima pipì la tipica puzza di cane bagnato. Quindi controllate bene come li asciugate, cercate sempre di conservarli in spazi non chiusi e cercate di metterli tutti a rotazione in modo che non rimangano a lungo inutilizzati.

Ci sono dei momenti particolari in cui la pipì puzza di ammoniaca pura, in questi casi anche se avrete lavato con tutti gli accorgimenti che vi abbiamo dato l’odore sarà così pungente da farvi lacrimare (soprattutto quando aprirete il bidone per fare la lavatrice!). In questo caso non dovete preoccuparvi della puzza, ma solo dei dentini che stanno per spuntare e quindi vi consigliamo di cambiare spesso il pannolino in modo da non lasciare la pelle a contatto con l’acido di cacca e pipì. Valutate se non sia il caso di prendere dei velini di materiali drenanti (coolmax, minkee, micropile) che mantengono la pelle più asciutta.

In genere aumentando l’acqua in lavatrice (per quelle moderne che calcolano l’acqua in base al peso potete fregarle mettendo un asciugamano inzuppato d’acqua nel cestello) o aumentando i numeri di risciacqui con scarico e centrifuga vengono risolti tutti i problemi di cattivi odori. Se dovessero persistere uno strippaggio dovrebbe eliminare il problema alla radice.

Non esagerate con i lavaggi per evitare inutili consumi di acqua ed energia, tutto sta sempre nella misura delle cose.

 

Per rimanere aggiornati sugli articoli e i video che pubblichiamo potete mettere mi piace alla nostra pagina facebook

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *