Perchè si arrossa ?

Premessa per i principali problemi lavabili


Come in tutte le cose, quando si segue una strada e si trovano degli ostacoli si è subito pronte a maledirsi per aver preso quella rispetto ad un’altra e nel caso dei lavabili questo succede spesso, soprattutto perchè di solito la scelta di usarli non viene ben vista dall’entourage della mamma in questione e non si ha esperienza per cavarsela da sole.

Quindi, alla prima puzza incomprensibile, alla prima irritazione, alla prima fuoriuscita di pipì o di popò sono tutti subito pronti a puntare il dito con fare riprorevole “eh io te l’avevo detto che gli usa e getta sono migliori”.

I casi sono molteplici e le possibilità infinite, ma di solito chi ha iniziato coi lavabili da subito o nei primi mesi può andare in crisi per la messa in discussione delle proprie scelte. Anche chi ha iniziato più avanti e ha esperienza di usa e getta, di fronte alle problematiche di irritazioni o legate alla gestione dei lavabili, può veder vacillare le proprie certezze. Nel caso vi trovaste in questa situazione vi raccomandiamo di non darlo a vedere e cercare di risolvere il problema con sicurezza e il sorriso sulle labbra. Noi dobbiamo essere i nostri migliori alleati !!

Fortunatamente la solidarietà tra pannolinare è molto elevata perchè tutte, in un modo o nell’altro, ci siamo passate e nei gruppi su facebook è possibile trovare supporti adeguati che limitano al minimo i danni e gli abbandoni. Non abbiate paura a chiedere aiuto a chi ha più esperienza di voi.

 


APPENA METTO UN CERTO TIPO DI PANNOLINO SI ARROSSA


Bisogna distinguere vari tipi di rossore; quello che è “a forma di pannolino”, quello che si localizza in prossimità degli orifizi e quello che si verifica su pancia e cosce.

Se il rossore è esteso e ha i contorni del pannolino allora i motivi possono essere:

  1. qualcosa nel lavaggio è andato storto. Strippare e riprovare a metterlo. Nel caso provare a cambiare detersivo
  2. il materiale a contatto con la pelle non è tollerato. Provate a modificarlo e vedete se può essere quello il motivo (certi materiali non vengono tollerati un certo periodo mentre altri sì, ma poi la situazione può ribaltarsi quindi nel caso non fatevi prendere dal panico e non vendete tutto il parco pannolini per modificarlo. Fidatevi vi torneranno utili)
  3. se succede dopo una sessione di pipì abbondante (ad esempio fitted notturno) e la puzza di ammoniaca è molto forte potrebbe essere arrossamento da dentini. Potete intervenire cambiando spesso e con rimedi della nonna (fecola di patate mischiata a olio evo) o creme (weleda) avendo l’accortezza di posizionare un velino che protegga il pannolino

Se il rossore è localizzato i motivi possono essere molteplici. Consigliamo sempre di verificare che il risciacquo sia adeguato e che non rimangano tracce di detersivo. Appostatevi alla lavatrice verso il momento finale della centrifuga e verificate che non vi sia schiuma di nessun tipo, nel caso fate extrarisciacquo. In vari casi il rossore si accompagna a piccole pustole, a escoriazioni, a ustioni da abrasione in questi casi non si può escludere la presenza di una patologia medica quindi vi invitiamo a sentire il pediatra per una diagnosi accurata. Può succedere, per alcuni tipi di pannolini che non sono rivestiti completamente, che il pul vivo sia a contatto con la pelle e che sfregando o bagnandosi crei problemi alla pelle come abrasioni/ustioni e irritazioni. Provate ad accantonare la tipologia e a riproporla in un altro momento per verificarne la tolleranza. In genere il semplice rossore, esclusi i problemi medici e di lavaggio, è dato da periodo di dentizione, cacca acida dovuta a denti o particolari cibi ingeriti che è stata troppo a contatto con la pelle e si può risolvere in questi modi:

  1. cambiare spesso e non lasciare il bagnato a contatto. anche prima di mettere il pannolino pulito assicurarsi che la pelle sia bella asciutta.
  2. se possibile (soprattutto con il bel tempo) lasciare qualche ora la pelle all’aria senza niente
  3. capire, facendo dei test, quali tessuti predilige in quel frangente e usare quelli (per questo è meglio averne sempre di diversi tipi)
  4. se al momento del cambio ha fatto solo pipì sciacquare abbondantemente con acqua fresca senza saponi e anche in presenza di popò limitare il massimo i detergenti e sciacquare sempre molto bene
  5. evitare il più possibile creme e cremine perchè la pelle deve respirare

Se le avete provate tutte e la situazione non migliora potete provare anche un usa e getta ecologico e vedere se magari il problema è solo il contatto dell’umido con la pelle. Potete anche provare con fecola mischiata a olio evo e crema weleda come scritto sopra, ma se dopo poco tempo il rossore non si attenua o se le escoriazioni peggiorano dovete andate da un medico. In certi casi basta l’applicazione topica di un medicinale per tornare presto alla normalità.

Se il rossore è su cosce e pancia i problemi potrebbero essere:

  1. avete regolato le chiusure troppo strette e la pelle si è irritata (provate a lasciarlo più largo la prossima volta)
  2. avete chiuso male il velcro e ha sfregato sulla pelle (state attenti che i velcri siano in linea e non a lisca di pesce)
  3. il pul del girocoscia si è bagnato e sfregando ha generato irritazione (provate a mettere in inserto in più per evitare che si inzuppino gli elastici)

 

In ogni caso, se avete dei dubbi, se il rossore peggiora invece di migliorare e non vi sentite sicure su come procedere chiedete sempre a un medico, ogni bambino è sempre un mondo a sè con le proprie peculiarità e sensibilità da non prendere sotto gamba.

 

Per rimanere aggiornati sugli articoli e i video che pubblichiamo potete mettere mi piace alla nostra pagina facebook

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *